Settore in cifre

Dopo un 2018 dinamico, nel 2019 l’industria italiana dei Componenti elettronici ha mostrato una battuta d’arresto nell’evoluzione del fatturato totale (-5%), risentendo di uno scenario a minore potenziale sia sul fronte interno sia su quello estero.

Guardando al mercato interno, il rallentamento della domanda nei principali settori industriali a valle e l’incertezza sull’effettivo proseguimento del ciclo degli investimenti ha limitato le potenzialità di crescita del comparto. In particolare, l’indebolimento dell’industria Automotive, che vive una delicata fase di transizione tecnologica, si è riflesso negativamente su queste tendenze.

La domanda estera continua a fornire un contributo centrale all’evoluzione del comparto dato l’elevato grado di integrazione nelle catene di fornitura globali (+0,1% la variazione delle esportazioni nel 2019). Le dinamiche espresse dalla filiera elettronica a livello internazionale in corso d’anno hanno evidenziato un indebolimento rispetto alla crescita sostenuta mostrata nel biennio precedente (secondo dati UNIDO i livelli produttivi del settore hanno mostrato un tasso di crescita inferiore al 5% a fronte dell’incremento medio annuo vicino all’8% registrato nel periodo 2017-2018). Queste tendenze si sono riflesse anche sull’andamento mostrato dall’industria italiana sul fronte estero.  La domanda europea ha visto un rallentamento per effetto della maggiore debolezza evidenziata dagli investimenti industriali, mentre i mercati extra UE hanno mantenuto un profilo più vivace.

Le tendenze sperimentate dall’industria italiana sono sostanzialmente in linea con le più recenti analisi pubblicate da WSTS (World Semiconductor Trade Statistics) che, dopo un biennio in crescita, indicano per il 2019 un calo a due cifre per il mercato mondiale dei Semiconduttori.

Le previsioni sull’andamento del comparto nel 2020 si inseriscono in un contesto macroeconomico che ha visto un brusco deterioramento per effetto della diffusione dell’epidemia Covid-19. Se a inizio anno le stime per il settore della Componentistica elettronica segnalavano a livello globale l’avvio di una possibile ripresa, a fronte del peggioramento dello scenario si delinea un quadro molto più incerto.